mercoledì 8 dicembre 2010

Centro riabilitazione per pets

Sovente dopo un intervento chirurgico a zampe o schiena, oppure dopo traumi, scarseggiano i centri di riabilitazione per i nostri amici a 4zampe. A colmare quato vaacum nasce il centro «Riabilitaria».
Sul tapis roulant immerso nell’acqua tiepida, tanti piccoli amici si esercitano per «recuperare». Il centro è aperto da circa un mese e i suoi «pazienti» sono tutti quattro zampe reduci da interventi o da traumi, non mancano però quelli che vogliono farsi una corsetta ogni tanto, e visto che il proprietario è impegnato con il lavoro scelgono la «palestra» del centro.

Le ideatrici sono le due veterinarie Franceca Basili e Francesca Cazzola. Due ragazze di poco più di trent’anni che hanno deciso di aprire - con il collega Carlo Miola - un centro specializzato in riabilitazione per cani. Solo cani? «Abbiamo anche un gatto, ma con i felini è più difficile, ci stiamo attrezzando..» spiegano le veterinarie. In via Castelgomberto 144 (Torino) davanti all’ingresso c’è un bel giardino, dove d’estate i «pazienti» possono sgambettare all’aria aperta. All’interno tre sale con le attrezzature, dal tapis roulant nell’acqua, alla tecar (lo strumento dei fisioterapisti come per gli umani) a una sezione «giochi». Poi il reparto «degenti», perché non tutti proprietari possono portare gli animali per la terapia. «Per chi vive fuori Torino offriamo anche la degenza - spiegano ancora le due Francesca -, così i cani recuperano anche meglio».

I trattamenti sono sia manuali come chinesiterapia passiva, il massaggio e lo stretching, e strumentali come tecar, ultrasuoni, magnetoterapia, elettrostimolazione, taping neuromuscolare, bendaggi funzionali. «Abbiamo anche un bulldog che il proprietario porta al centro per farlo correre. E’ contentissimo, il cane, si mette sul tapis e corre felice» racconta Francesca Cazzola che oltre a essere il direttore sanitario è anche vicepresidente della Società specialistica di fisioterapia e riabilitazione motoria veterinaria dal 2003. «Siamo aperti dalle 8 alle venti e collaboriamo con i veterinari - dice Francesca Basili -, sono i colleghi che ci segnalano le i pazienti. Per alcuni diamo anche una “terapia”: una serie di esercizi da fare a casa... Un po’ come per gli umani».
www.amici.it

2 commenti:

  1. Ciao Stella
    hai ragione è una bella iniziativa. Buona festa

    RispondiElimina

Rispondi