giovedì 30 ottobre 2014

La casa dell'orso a Spormaggiore

La Casa dell’orso è un museo dedicato all'orso bruno, animale simbolo del Parco Naturale Adamello Brenta. Si trova all'interno di "Corte Franca", un antico palazzo signorile le cui origini risalgono al 1300.


"Corte Franca" antico feudo tirolese. Il palazzo godeva di franchigie principesche come il diritto di asilo, in caso di omicidio o di altri misfatti, per coloro che vi fossero rifugiati. 


1 piano

Prima sala fa vedere il parco degli orsi. C'è un plastico dove ci sono dei bottoni e a scelta si può avere informazioni e scoprire il territorio del Parco Adamello Brenta (informazioni sulla geologia, sulla fauna, sulla flora e sulle malghe).
Poi c'è una seconda sala che è la sala del conte e danno informazioni storiche del palazzo e della sala.



Si seguono le orme dell'orso.


2 piano

Si entra in un bosco ricostruito e si può vedere i segni lasciati dall'orso: impronte, graffi sui tronchi e ciuffi di pelo.



Interessante il filmato sulla vita dell'orso e il pannello luminoso che mostra gli spostamenti di questo animale.  Visto anche in dimensioni reali una tana dell'orso . 
Interessante anche la sezione dal mito alle stelle.


L'orso rappresenta un posto importante nella nostra cultura. Vediamo l'orso nei cartoni animati, l'orso nei nomi dei paesi, nell'iconografia locale, l'orso nella pubblicità, l'orso nei film.





Mi è piaciuto il pannello: "Le costellazioni dell'orsa"


Poi zona dove si parla di storie: l'orso e l'uomo.  Dalla persecuzione dell'orso ai primi tentativi di salvaguardia della specie ( es. San Romedio).



3 piano

Vi è un'ampia sala dedicata al  progetto di reintroduzione Life Ursus promosso dal Parco Naturale Adamello Brenta. Che emozione vedere gli orsi liberati e anche un po' di commozione. Mi è venuta in mente l'orsa Daniza ( quando sono andata era ancora viva).





Hanno voluto riportare l'orso qua in Italia.....poi se l'orso cammina nel bosco non va bene........ dobbiamo ricordare che il bosco non è dell'uomo ma degli animali che ci vivono.





16 commenti:

  1. Molto interessante questa tua descrizione Robby! Un bacio :)

    RispondiElimina
  2. non sapevo di questo museo...bellissimo!
    buona giornata simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche per me questo museo è stata una bella sorpresa. Veramente molto bello e istruttivo.

      Elimina
  3. Interessante questo museo... E purtroppo la tua frase finale è verissima, ma siamo in Italia... che ci vuoi fare?

    Maira

    RispondiElimina
  4. Ciao Robby, il bosco e sempre stato degli animali, ma purtroppo e arrivato L'uomo che è un animale feroce e vuole imposessarsi di tutto.

    RispondiElimina
  5. Grazie infinite per questa splendida "visita guidata" al museo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania sono contenta che ti è piaciuta la "visita virtuale" al museo.

      Elimina
  6. Cara Robby, la prima foto dava l'impressione che quel palazzo stasse per crollare:-) poi ho visto il resto che è stato molto istruttivo, veramente interessante questo post, buon fine settimana cara amic.
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. Che bello Roby , lo sai che non sono mai stata a visitare questo museo dedicato all'orso bruno ? Ti abbraccio forte e condivido il tuo pensiero...il bosco non appartiene all'uomo...è la casa degli animali !!! Un bacione . Mirtilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao mirtilla, questo museo mi è piaciuto.

      Elimina
  8. Sono d'accordo con te: il bosco non è dell'uomo ma degli animali che ci vivono! Io quest'estate ho visto gli orsi per la prima volta in vita mia: ero al parco dello Yellowstone, e loro erano liberi (li' tutti gli animali girano liberi, e' l'uomo che si deve adeguare): e' stata un'emozione fortissima!

    RispondiElimina

Rispondi